sabato, dicembre 01, 2007

GIGANTESCO BENIGNI

29.11.2007

V Canto dell'Inferno.
Letto e Interpretato da Benigni.

Musica, mentre legge ogni riga delle terzine, la spiega e poi la rilegge per riallacciarsi e sottolineare il discorso generale. Proprio come si fa in Musica.
Che si basa sulla Ripetizione a Affermazione Ciclica, avrebbe ricordato il mio grande Prof. Pietro Beni di Storia della Musica e Spettacolo.
Intervalla, senza sosta, con inserti di una profondita' e leggerezza infinitamente potenti e chiari.
Ha uno sguardo cosi' libero e concentrato, da sviare qualsiasi distrazione.
E poi il culmine nel giro di pochi minuti, quando lo sfondo si tinge di rosso carminio, pastoso e cupo/brillante allo stesso tempo: il Canto declamato tutto d'un Fiato.
Un silenzio pazzesco, momento di attesa, primissimo piano su un Benigni calmo e in stato di riverente attesa.
Sembra minuscolo dietro al microfono.
Il Vuoto. Si schiarisce la voce abbassando la testa.
Inizia la Trasfigurazione di Benigni: cambio di espressioni, mimica, tono di voce, musicalita'.
Ha perso ogni connotazione fisica, accento toscano e debolezza umana.
Un Unico che si fonde con chi lo ascolta, perdendo Tempo, Bellezza e Contingenza.
Tutto sparisce, immersi nella regia di primi e primissimi piani che ondeggiano da destra a sinistra e viceversa.
Non si puo' piu' dare un'identita' alla voce che parla, all'Energia che pervade l'Aria: un incredibile magnetismo che solletica e colpisce l'istinto.Inspiegabile.
Si puo' solo cedere e smettere di ragionare per assaporare questo Stato Perfetto che si ricongiunge con quello che abbiamo di piu' caro e intenso, richiamando le Radici con la Terra e il Rispetto.
E Niente puo' spiegare il Finale, con l'ultima terzina che nemmeno Benigni potra' mai quantificare. Accecante.
E dopo l'ultima parola, una frazione di secondo Silenziosa e Attonita.
Testa China a Dante, Occhi Lucidi e Ultimo Accento di Passione.
Fine.
Grazie Benigni.

SI

8 Comments:

Blogger rodocrosite said...

Oddio. Sono senza parole. La tua descrizione è irresistibile e siccome sei già la seconda persona che mi parla di quella serata con tanta passione, mi pento sempre di più di non averlo visto.
Chissà se da qualche parte c'è una registrazione reperibile.

8:43 AM  
Blogger SI-FA-SI said...

Oh Rodo, no problem..Te senti se la trovi da qualcuno, senno' c'e' un mio amico che l'ha registrato:-)
Me la faccio dare in tutti i modi perche' Simo se l'e' persa...
Fammi sapere, ti faccio 1 copia e te la faccio avere in qualche modo..
E cmq sto pensando al sito RAI..Una volta riguardai una puntata di Ballaro'...
Tra l'altro dovrebbe fare altre 13 serate su Dante, in seconda serata of course, figurati:-) E pensa che non sono una fanatica ne' di Dante, ne' di Benigni...Ti dico solo questo...

SI

11:37 AM  
Blogger SI-FA-SI said...

Se posso permettermi, consiglierei anche youtube, li si trova di tutto.
Bella ed esaustiva la tua descrizione, rende l'idea su quella serata nel quale Benigni è stato immenso..... poi arriva uno Zeffirelli che dice peste e corna su di lui con la scusa del fatto che uno come Benigni non può recitare Dante in quanto Pratese. Io rimango.....

FA

6:31 AM  
Blogger rodocrosite said...

Grazie SI; ho trovato un'amica che l'ha registrato tutto! Me lo farò prestare.

8:26 AM  
Blogger Massimo Raso said...

la tua descrizione è bellissima!
è bello sapere che c'è tanta gente che guarda lo stesso evento e riceve le stesse emozioni!!!
e dire che parliamo di Dante... evidentemente le emozioni non hanno tempo!
felice di averti conosciuta!

8:38 AM  
Blogger SI-FA-SI said...

Che Zeffirelli dica queste puttanate non e' cosa nuova, ma e' cosa buona e giusta mandarlo...:-)
Massimo, un grande piacere averti conosciuto!:-)

SI

4:14 PM  
Blogger Penelope said...

Bellissima descrizione!
Che poesia,che bellezza!
Hai proprio ragione: bravo Benigni e bravo anche Dante, dai!
Piacere di conoscerti.
Penelope

10:16 AM  
Blogger Herbaciarz said...

it's amazing photografia

10:57 PM  

Posta un commento

<< Home